1888811_737036112973358_2121596720_oSpecializzata in Chirurgia Vascolare presso l’Istituto di Chirurgia Vascolare dell’Università di Milano, dove ha lavorato per 8 anni.
E’ Socio Fondatore della Associazione Girandola , ha coadiuvato il Prof. Vercellio per 8 anni presso l’Ospedale Buzzi, dove si è poi trasferita a lavorare.

Ha conseguito il Diploma di tre anni in Omeopatia ed Omotossicologia
Svolge attualmente la sua attivià professionale presso il proprio studio a Milano dove continua a collaborare nel campo delle malformazioni vascolari soprattutto per quanto concerne le terapie di sostegno nei casi più critici di malformazioni vascolari.

Laureata in Medicina e Chirurgia presso l’Universita’ degli Studi di Milano.

Specialista in Chirurgia vascolare

Collabora con il gruppo come specialista ambulatoriale. Associa alla sua conoscenza delle patologie vascolari malformative, legate alla sua specializzazione in Chirurgia-Vascolare, le sue intuizioni, la sua sensibilità,la sua curiosità e la sua esperienza medica nella Biomedicina come Omeopata ed Omotossicologa.
Utile è stata la sua presenza nel proporre con successo trattamenti complementari di Medicina Naturale in alcuni casi critici di bambini e giovani affetti da vasculopatie congenite.

Chirurgia Vascolare

stacks_image_38CHIRURGIA VASCOLARE

Si perde il conto ad enumerare tutte le “nuove” tecniche proposte in questi ultimi 10 anni per la chirurgia delle varici.
Tutte si prefiggono in ogni caso di risolvere il problema delle varici in modo meno invasivo, con un occhio alla salvaguardia dell’estetica ed un altro alla riduzione ai minimi termini della necessità di un ricovero.
Quindi cure chirurgiche in day-surgery o ambulatoriali, con minimi disagi per il paziente, ripresa delle quotidiane attività quasi immediata, incisioni e conseguenti cicatrici quasi invisibili…

Leggi tutto

Scleroterapia

LEGS2Nota da almeno 150 anni la scleroterapia ha conosciuto anche di recente notevoli progressi.
La scleroterapia permette di curare tutte le varici, dalle comuni ed antiestetiche “ragnatele”, i cosiddetti capillari, che capillari non sono (quelli veri sono invisibili all’occhio nudo), alle varici cosiddette “reticolari”, a quelle più vistose e grossolane.
La terapia sclerosante consiste nell’iniettare nelle vene patologiche (e sfiancate) liquidi di vario tipo che hanno un’azione irritante sul loro rivestimento interno.
Nel giro di qualche settimana le vene trattate, escluse ormai dalla circolazione, si appiattiscono e vanno incontro appunto alla “sclerosi”.
In questo modo a seguito del trattamento le vene vengono riassorbite nel giro di poche settimane.
La scleroterapia si propone in alternativa alla chirurgia anche per le varici più importanti, quelle associate allo sfiancamento della vena safena interna o della safena posteriore, con alcuni limiti: la possibilità di recidive o di un risultato incompleto.

Leggi tutto